Alla riscoperta dei film svizzeri
it
de fr
Alla riscoperta dei film svizzeri

Le due grandi fasi di costruzione del Gottardo hanno influenzato i flussi migratori e le idee della borghesia e della classe operaia.

Disponibile su

Scheda tecnica

Cast

Titolo originale

  • San Gottardo

Anno

  • 1977

Durata (minuti)

  • 90

Genere

  • lungometraggio

Lingua originale

  • italiano
  • tedesco
  • francese

Sottotitoli

  • italiano
  • tedesco
  • francese

Cast

Regia

  • Villi Hermann

Sceneggiatura

  • Peter Zeindler
  • André Puig
  • Giovanni Orelli

Attori

  • Maurice Aufair
  • Mathias Gnädinger
  • Roger Jendly
  • Hans-Dieter Zeidler
  • Gigi dall'Aglio
  • Didier Flamand

Fotografia

  • Hans Stürm
  • Renato Berta

Casa di produzione

  • Filmkollektiv Zürich AG
  • Imago Film

Montaggio

  • Rainer Trinkler
  • Elisabeth Wälchli

Suono

  • Luc Yersin

Musiche

  • Panzini Zirkus

Angaben zur Digitalisierung

Digitalisierungsjahr

  • 2017

Digitalizzato da

  • Cinémathèque suisse ed Imago Film

in collaborazione con

  • Cinegrell

con il sostegno di

  • Cantone Ticino DECS, Memoriav, Lombardi

Premi e festival

1977

  • 30. Festival internazionale del film Locarno: Pardo d'argento

Raccomandato da

Antonio Mariotti in merito a „San Gottardo“

L’apertura di AlpTransit ha dimostrato ancora una volta che il San Gottardo è il cuore della Svizzera e il cuore d’Europa. Con “San Gottardo”, il regista Villi Hermann (di padre lucernese e madre ticinese) mette in relazione i suoi due mondi personali, con le loro diverse lingue e culture. Il confronto è però anche tra passato e presente e tra due modi di raccontare la vita al cinema: finzione e documentario. Il duro lavoro dei minatori sul cantiere della galleria stradale che verrà aperta nel 1980 si alterna con le dure lotte dei loro predecessori che scavarono il tunnel ferroviario un secolo prima. E se, a differenza dei secondi, i primi non devono più affrontare le fucilate con le quali la polizia urana annegò uno sciopero nel sangue, ciò non significa che non si muoia più di silicosi, o di nostalgia per le mogli e i figli lasciati a casa. Ma Hermann va oltre le storie personali: ci fa riflettere sul modo di scrivere la Storia, demolendone - grazie alla lettura dei documenti - la versione ufficiale degli Alfred Escher e dei Louis Favre per dare voce a chi non ne ha mai avuta.

Extra e download

poster di film

Download

«Italiener in der Schweiz» articolo nel giornale DU nr892 di Villi Hermann in tedesco (pdf)