Alla riscoperta dei film svizzeri
it
de fr
Alla riscoperta dei film svizzeri

Un modesto impiegato d’ufficio organizza una festa per i suoi colleghi di lavoro: bastano l’alcol e la calura di un torrido pomeriggio estivo per far degenerare la festa.

Guarda il film ora su

Scheda tecnica

Titolo originale

  • L'invitation

Anno

  • 1973

Durata (minuti)

  • 100

Lingua originale

  • francese

Disponibile in

  • HD 1080p
  • audio: OV stereo
  • audiodescription: FR
  • UT: de/fr/it

Cast

Regia

Sceneggiatura

  • Claude Goretta
  • Michel Viala

Fotografia

  • Jean Zeller

Attori

Casa di produzione

  • Group 5
  • Télévision Suisse-Romande (TSR)
  • Citel Films
  • Planfilm

Montaggio

  • Joële Van Effenterre

Musiche

  • Patrick Moraz

Digitalizzazione

Anno della digitalizzazione

  • 2012/2019

Digitalizzato da

  • Cinémathèque suisse, Lausanne
  • filmo

in collaborazione con

  • RoDo Works AG, Zürich
  • Tonstudios Z

con il sostegno di

  • Memoriav, Bern

Raccomandato da

Antonio Mariotti in merito a "L’invitation"

È il primo lungometraggio del non più giovanissimo (44 anni) Claude Goretta, ma anche il primo film del «Nuovo Cinema Svizzero» ad avere a disposizione un budget “decente” per l’epoca e a potersi quindi permettere la pellicola a colori in 35 mm e la post sincronizzazione del suono. Un “lusso” che contribuirà al suo successo internazionale: Premio della Giuria al Festival di Cannes 1973 e nomination all’Oscar per la miglior pellicola straniera nel 1974.
“L’invitation” è una grande prova registica ed attoriale che mette in evidenza il talento di un incontenibile Jean-Luc Bideau. È l’impietoso ed ironico ritratto di una Svizzera piccolo borghese, popolata da impiegatucci la cui vita quotidiana è scandita dal ticchettio assordante delle macchine da scrivere che riempie la soffocante atmosfera dello stanzone dominato dal mellifluo capufficio. Basta però che uno di loro - l’innocente e gentile Monsieur Rémy - ottenga una promozione sociale grazie a un’eredità, per scatenare l’inferno, trasformare l’ordine in anarchia, far scoppiare l’invidia e la rivolta nell’idilliaco parco della proprietà acquistata dal vecchio scapolo. L’invito del titolo si rivela così una trappola inaspettata per chi crede ancora alla favola della placida e benpensante Elvezia.

Raccomandazione di Antoine Duplan
Raccomandazione di Tereza Fischer

Lo sapevi che...

..."L'invitation" è un film tratto da un'opera teatrale che, in un primo tempo, era stata ritenuta smarrita da storici e editori? Si tratta della commedia "Médocres" di Michel Viala.

Facts & Figures

1974
Academy Awards - Best Foreign Language Film Nomination

1973
Festival de Cannes - Winner International Prize, Winner Jury Prize, Nominee Palme d'Or

extra e download

poster di film internazionali

Download

liste de dialogue (pdf)